Blog: http://omaha.ilcannocchiale.it

VENTO D'ESTATE E PIOGGIA


Omaha è stata chiusa in un hangar.
Eppur si muoveva...ma come impazzita, intrappolata tra 4 pareti metalliche e grigie, sbatteva e si muoveva in ogni direzione.
Tranne quella giusta.
Forse.
Sa però che i "miracoli" sono davanti agli occhi di tutti, come un pianoforte suonato da un cieco in una stanza affollata da corpi vuoti.
E allora ha provato ad annusare l'aria che sta cambiando, provando a decifrare quegli strani connubi di colori.
Non si concentra sulle persone perchè almeno per alcune, non vale la pena : questo è chiaro.

Così come appaiono chiari gli sbagli compiuti negli ultimi mesi, le mancanze nei confronti dei sorrisi dispensatori di storie e voci sempre diverse.
Quindi rewind...
E all'ennesimo semaforo rosso mattutino si vede stampato nella memoria uno sguardo che sa d'estate e di corse solo pensate, si ritrova a progettare viaggi...ma non per fuggire, "solo" per assorbire...
Si spacca la pelle per "la costruzione di un amore"...
Arriveranno altri bicchieri di Chardonnay da bere con qualcuno che spera di ricevere una dichiarazione "geniale"...
Più di una serata da trascorrere col  koala che le manca tanto da non poterlo dire...
Omaha si sente come se avesse scoperto una nuova scorta d'ossigeno che non vede l'ora di consumare raccontandosi...
....mattone dopo mattone....

Dopo tanto tempo ha troppe cose che si affollano nella sua testa, tanto da restare incastrate....ma è solo questione di tempo...

Omaha sta per contaminarsi...di nuovo?


Pubblicato il 3/3/2009 alle 20.35 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web